Il Natale porta sempre con sé un sacco di aspettative.

Un Natale ben riuscito rappresenta una celebrazione meravigliosa, che offre l’opportunità di stare vicini a chi si ama, passando un po’ di tempo in compagnia e dimenticando per qualche ora il tran tran quotidiano.




Se quest’anno toccherà a voi fare gli onori di casa, per un bel Natale memorabile vi consigliamo di seguire una ricetta basata su un’efficace pianificazione e una buona dose di aspettative ridimensionate. Quindi, prima di partire a decorare la sala da pranzo o di correre a ordinare il cappone, leggete questi 12 consigli per arrivare a organizzare serenamente una bella festa.




Stendete un programma


Per prima cosa, cercate di mettere a fuoco le vostre aspettative e provate a immaginare come vorreste la festa di Natale. Desiderate organizzare una celebrazione classica, con un grande albero e la cena di magro? O preferite allontanarvi dalla tradizione e godervi in semplicità qualche ora con i vostri familiari? Un esercizio utile può essere quello di cercare di riassumere i vostri desideri in una sola parola: “spensierato”, “alternativo”, “ricco di significato” o, più semplicemente, “buono”.


Tenete a bada aspettative varie


Il Natale occupa uno spazio così significativo nel nostro collettivo immaginario, che praticamente ciascuno di noi ha una propria visione personale su come la festività andrebbe passata, sentita e organizzata. Quindi, prima del grande giorno, ridimensionate le aspettative dei vostri ospiti facendo loro sapere con estrema franchezza che cosa devono aspettarsi per la cena del 24 o il pranzo del 25 chez vous.
Se non avete la benché minima intenzione di servire la faraona con sei diversi tipi di contorno, se in soggiorno non metterete sicuramente nessun albero decorato, o se avete già la certezza matematica che i vostri marmocchi si alzeranno alle 5:30 del mattino per aprire i regali, comunicatelo pure senza mezzi termini, in modo che i convitati sappiano che cosa aspettarsi e si sintonizzino con la vostra interpretazione della festa di Natale.


Infrangete le regole!

Il giorno di Natale concedete una pausa a voi stessi e ai vostri cari, e per qualche ora dimenticate le regole ferree della vita quotidiana. Ebbene sì, i bambini mangeranno un quintale di dolci e quasi sicuramente non degneranno di uno sguardo le verdure… pazienza! Certo, i vostri ospiti gireranno per casa con le loro belle scarpe sporche… non importa! Potrebbe essere anche il giorno giusto per lasciare avvicinare al tavolo il quattrozampe di casa per prendere al volo un bocconcino, regalo del nonno. Per questa volta potrete chiudere un occhio!
Per un giorno godetevi il caos. Avrete tutto il tempo che volete per tornare in carreggiata.


Controllate in anticipo le cose fondamentali

Può capitare di farsi prendere la mano dalla preparazione delle decorazioni e dei manicaretti più golosi, perdendo così di vista le cose essenziali.
Qualche giorno prima di Natale, controllate di avere sedie, piatti, bicchieri e posate per tutti. I vostri invitati ci staranno intorno al tavolo o dovrete procurarvi un tavolino in più? C’è spazio in frigo per i cibi freschi che avete programmato di comprare o ci sarà bisogno di farli conservare dai vostri ospiti e farli portare al momento?
Prendete in considerazione tutti questi elementi ed eviterete il sopraggiungere delle crisi di panico dell’ultimo minuto.



Portatevi avanti

Evitate di concentrare tutto lo “stress da cucina” nel momento in cui avrete gli ospiti per casa e cucinate in anticipo i piatti che potete surgelare. Oppure, semplicemente, preparate già tanti piattini pronti che vi risparmieranno faticose corse finali.



Distribuite i compiti


Se siete voi a ricevere, non dimenticate che l’atmosfera non è resa più accogliente dai regali costosi, ma… dalla capacità di delegare! Che sia pelare le patate, accendere il camino in sala o riempire i calici, assegnate a ciascun ospite un compito semplice, così che voi non siate sovraccaricati dalla cura di ogni singolo aspetto.
Accertatevi, però, di spiegare chiaramente a ciascuno in che cosa consiste il lavoro assegnatogli. “Dai una mano con le verdure”, per esempio, è un ordine troppo vago, mentre “Pulisci e taglia i carciofi è una richiesta più precisa. I vostri invitati saranno felici di avere un ruolo: è bello sentirsi utili e condividere le fatiche. Quindi, non diventate dei “martiri del Natale”! Considerate questa giornata come un’occasione da vivere collettivamente e coinvolgete tutta la famiglia.



Vivete l’attimo…

Spegnete quella vocina dentro di voi che vi sta facendo la lista di tutte le cose che dovreste fare in questo momento e che vi sta biasimando perché non avete preparato il panettone con le vostre mani o perché potevate mettere un albero più grande. Piuttosto, fermatevi un istante e guardate tutto quello che, tutto sommato, sta intorno a voi, provando ad avere uno sguardo davvero divertito e distaccato sulle cose.



Imparate dall’esperienza


Ripercorrete con la memoria i passati festeggiamenti natalizi e mettete a fuoco eventuali momenti di attrito in famiglia o l’emergere di questioni varie. I giochi da tavolo fanno sbottare di rabbia lo zio? La zia, invece, ha una predilezione per le sedie a schienale? La nonna è allergica al gatto? Giacomino di fronte alle verdure batterà i piedi per terra? Non dovete assecondare tutti i capricci dei vostri ospiti. Per stare alla larga da situazioni poco piacevoli, basterà individuare i motivi di tensione più banali.



A un certo punto… defilatevi


La cena o il pranzo di Natale può essere un evento così intenso che è facile dimenticare di prendersi una pausa. Fate in modo di sgattaiolare via, prima o poi, durante la giornata. Dedicate a voi stessi una piccola passeggiata (magari con il cagnetto di casa vestito da festa), oppure sparite in una stanza tranquilla per qualche istante: tornerete in compagnia più riposati ed energici.



Non esagerate con i brindisi


Per molti di noi, l’idea di vivere la festa di Natale in uno stato di annebbiamento da alcol può sembrare estremamente attraente, ma essere così frastornati da avere difficoltà ad affettare l’arrosto o servire i dolci non è l’ideale. Regolate il ritmo dei vostri consumi: bere acqua tra un bicchiere e l’altro di vino vi aiuterà a restare allegri senza perdere lucidità!



Siate chiari sulla durata della festa


Accertatevi che tutti siano a conoscenza di quanto potranno trattenersi e di quando sarà ora di andare. Gli ospiti che tirano tardi sono una potenziale fonte di stress e approfittano della vostra generosità oltre la giusta misura. Siate franchi sulla durata della festa e non sentitevi in dovere di scusarvi per questo.



Che sia un Natale magico


Un Natale in famiglia allegro e sereno resterà un bel ricordo duraturo per tutti quelli che c’erano, in particolare i bambini. Quindi, dedicateci una lunga riflessione, ricordate a voi stessi che si tratta soltanto di una giornata e fate in modo che si tratti di una bella esperienza. Il ricordo collettivo che nascerà da quella giornata farà bene a tutti voi per tanti anni.

Il Natale porta sempre con sé un sacco di aspettative.

Un Natale ben riuscito rappresenta una celebrazione meravigliosa, che offre l’opportunità di stare vicini a chi si ama, passando un po’ di tempo in compagnia e dimenticando per qualche ora il tran tran quotidiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.